mercoledì 24 settembre 2008

SAND CREEK E WOUNDEED KNEE
DUE DEI PIU' GRANDI MASSACRI CONTRO GLI INDIANI D'AMERICA DELLA STORIA DEGLI STATI UNITI.
SAND CREEK: Il 29 Novembre 1864 un'armata composta da cavalleggeri e cannoni proveniente dal Colorado capitanata dal colonnello Chivington assaltarono un villaggio indiano di Cheyenne e Arapaho(prima dell'assalto il villaggio venne ripetutamente cannoneggiato) nei pressi del fiume Sand Creek uccidendo 500 persone la maggior parte di essi composto da anziani e bambini, inutile la resistenza dei soldati indiani che difendevano il villaggio massacrati dai cavalleggeri numericamente più superiori. I cavalleggeri non risparmiarono nessuno donne, vecchi e bambini vennero massacrati. Le donne stuprate, i vecchi e i bambini passati a fil di spada e squartati. Pochissimi i sopravvissuti al massacro che furono costretti ad abbandonare la loro area occupata dai cavalleggeri per far spazio all'ondata dei coloni in cerca di nuove terre da colonizzare.
Il colonnello Chivington non fu mai condannato, prima dell'attacco Chivington urlò: "Uccideteli e fate lo scalpo a tutti. Questi imbecilli hanno i pidocchi", Chivington uccise con un colpo di pistola una bambina disarmata mentre i suoi cavalleggeri stavano mettendo a ferro e fuoco il villaggio.
Solo dieci cavalleggeri morirono nello scontro con la cavalleria indiana interamente massacrata, dopo l'attacco al villaggio che fu incendiato vennero sgozzate e mutilate donne, vecchi e bambini.
Vennero esposti come trofeo i resti di corpi indiani mutilati, feti di donne incinte e scalpi indiani.
Questo episodio fu uno dei più spietati, vergognosi, e orribili massacri perpetrati dall'esercito degli Stati Uniti d'America contro un villaggio popolato per lo più da donne, bambini e anziani.
WOUNDEED KNEE: Il massacro di Woundeed Knee fu perpetrato dall'esercito statunitense il 29 Dicembre 1890, una tribù di Sioux Teton del Sud Dakota fuggirono dalla riserva indiana messa a loro disposizione dal governo per raccogliersi tutti attorno al Loro capo moribondo Big Foot.
Loro credevano che con la danza dei fantasmi potevano diventare immuni ai proiettili e a diventare come degli immortali. Il governo mandò una squadra di 500 cavalleggeri alla ricerca degli indiani fuggitivi che, dopo scoperta circondarono la tribù e con le mitragliatrici aprirono il fuoco uccidendo 144 persone tra cui 44 donne e 16 bambini.
Secondo le autorità statunitensi la squadra dei cavalleggeri doveva solo spaventarli per farli indietreggiare ma un colpo di pistola sparato da un indiano uccise un soldato, da lì inizio il massacro, i cavalleggeri cominciarono ad aprire il fuoco con le mitragliatrici facendo una strage.
I cadaveri vennero sepolti in una fossa comune dove venne eretto un monumento a loro memoria. Tutt'ora questo massacro e descritto come l'ultima battaglia tra i nativi e gli Stati Uniti.

2 commenti:

  1. Fu un buon inizio.

    RispondiElimina
  2. Purtroppo questa è la storia! Oggi le cose non è che vadano meglio...saluti sinceri!!!!!!!

    RispondiElimina